Al voto per costruire l’Europa – l’appello dell’Ac del Triveneto

postato in: Novità | 0

L’Ac del Triveneto affida ai propri soci e alle proprie socie “la responsabilità di andare a votare, il prossimo 8 e 9 giugno, con la consapevolezza che, se la pace è il dovere della politica, contribuire a costruire una buona politica è il dovere di ogni cittadina e cittadino, di ogni cristiana e cristiano”.

Al voto per costruire l’Europa

Vittorio Veneto, 25 maggio 2024

L’Azione cattolica delle 15 diocesi del Triveneto presenta il suo documento di invito alla partecipazione al voto

Un invito alla partecipazione e al voto. È l’appello “Al voto per costruire l’Europa della pace” firmato dalle 15 presidenze diocesane di Azione Cattolica del Triveneto e dalla Delegazione regionale alla vigilia delle elezioni europee dell’8 e 9 giugno prossimi.

“È questo il tempo per rilanciare una nuova forma di collaborazione politica in Europa, capace di opporsi a quei venti di guerra tra i Paesi europei che, purtroppo, una parte della società tende a legittimare, nonché a quelle pulsioni che tendono ad escludere anziché includere”, dichiara nel documento l’Azione Cattolica del Triveneto. E aggiunge: “Vogliamo, tramite il nostro voto, contribuire a realizzare un’Europa che sia vera comunità, solidale e accogliente, che doni il giusto valore all’istruzione e alla cultura a scapito degli investimenti bellici, che promuova percorsi partecipativi per i cittadini, che metta al centro la persona e in particolare le persone più deboli, garantendo una vissuta parità di genere e l’equità socio-economica, che sia capace di incentivare politiche di sostegno alle famiglie promuovendo la cultura del welfare, capace di favorire la natalità e la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro”.

Non solo attenzione alle politiche di welfare, dunque, ma anche “l’urgenza, ormai improcrastinabile, di scelte concrete attente alla sostenibilità e alla lotta al cambiamento climatico, alla qualità dell’ambiente e dei territori, all’accesso all’acqua e al cibo per tutti. Chiediamo si ponga grande attenzione alla crescente digitalizzazione, all’uso dell’intelligenza artificiale, alle nuove forme di lavoro, alla promozione e alla tutela dei diritti, all’allargamento dell’Unione Europea. Sogniamo un’Europa che non si chiuda di fronte alla grande sfida del fenomeno delle migrazioni: dietro ad esso chiediamo di riconoscere sempre volti, persone, storie.”

Per questo l’Ac del Triveneto affida ai propri soci e alle proprie socie “la responsabilità di andare a votare, il prossimo 8 e 9 giugno, con la consapevolezza che, se la pace è il dovere della politica, contribuire a costruire una buona politica è il dovere di ogni cittadina e cittadino, di ogni cristiana e cristiano.”
Non si tratta di votare “contro qualcuno, ma per desiderio vero di libertà, pace, giustizia, rispetto di sé e degli altri”, si legge nel documento “ma soprattutto invitiamo ad esercitare il discernimento per scegliere candidati che interpretino coerentemente l’Europa che vogliamo.”

Leggi il documento completo

L’Azione Cattolica Italiana è la più antica forma di aggregazione laicale popolare. Presente in quasi 7.000 parrocchie in tutte le diocesi italiane, con oltre 215.000 aderenti e più di 750.000 partecipanti alle attività associative, nel 2018 ha celebrato i 150 anni di vita. Il Triveneto, con le sue 15 diocesi in Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto, ha una ricca esperienza e tradizione associativa. L’AC è presente in 900 parrocchie del territorio con circa 30.000 soci di tutte le età.

Per maggiori informazioni:
Claudio Bolcato
Delegato Azione Cattolica del Triveneto
claudio@claudiobolcato.it
Non hai ancora iniziato ad ascoltare il #podcast Prospettiva democrazia? Cosa aspetti?
Le prime 4 puntate sono disponibili sulle principali piattaforme di #streaming audio!
https://azionecattolica.it/prospettiva-democrazia/