Contagiati di gioia

pubblicato in: Segnalazioni | 0

“Ogni giorno è un riorientarsi, è calibrare le forze per affrontare al meglio le giornate di lavoro con le sue scadenza, lo studio , la casa da riordinare, la spesa da fare e il pranzo e la cena da preparare. è un continuo ripetermi le motivazioni che servono a ribadire a me stesso perchè sono qui, perchè lo sto facendo. […] Mi dico che non è così facile “svegliare il cuore”, ma bisogna farlo… ogni mattina! Si tratta di rispolverare la gioia, lasciandosi contagiare dai doni che il Signore fa: il buongiorno dei genitori, per cui sono il primo pensiero del mattino; quel passo delle Lodi che suggerisce la giusta strada da seguire; gli amici che ho ritrovato proprio lontano da casa; la parola di coraggio infusa giorno dopo giorno dalla persona che amo. porto tutte queste cose al cuore… e sento che batte più forte; si è svegliato… per contagio!” (dal sussidio Ac per gruppi giovani 2016/2017 “Contagiati di gioia”)

Il sussidio che l’Ac nazionale propone per l’animazione dei gruppi giovani parte dal fatto che ciò che muove il mondo è la gioia: la bellezza della gioia cristiana dà senso alla nostra vita e regala senso a quelli che se ne lasciano contagiare.

 

Dal valore della testimonianza di questa gioia, la guida Ac ne sottolinea la bellezza da un punto di vista della

  • interiorità (dove la gioia si fa piena e vera)
  • fraternità (che dona gioia autentica)
  • responsabilità (con un approfondimento della cura del creato)
  • eccelsialità (per essere annunciatori di gioia in famiglia e sul lavoro)

per terminare con una tappa di sintesi per imparare a “fare col cuore” nello stile delle beatitudini.